Il “couscous aux légumes” quasi come quello del Café Maure

Il couscous aux légumes si può considerare il piatto nazionale marocchino, un po’come gli spaghetti al pomodoro per noi italiani. È apprezzato e cucinato un po’ dappertutto nel mondo, con infinite varianti. Lo si prepara di solito il venerdì, in occasione della preghiera e lo si condivide con il vicinato; oppure lo si cucina per eventi speciali, lieti o tristi che siano . Come per tutti i piatti tradizionali, ogni famiglia ha la sua ricetta: carne, verdure e spezie cambiano nella tipologia e nelle proporzioni.

La versione che vi propongo è “vegetariana”, come quella base che vi servono al Café Maure (a cui ho dedicato un articolo).

Vi occorreranno circa quindici minuti per la preparazione degli ingredienti ed una quarantina di minuti per la cottura.

Ingredienti per 6 persone:

1 cipolla dolce

1 cavolo rosso piccolo

4 rape

una fetta di zucca

4 carote

(potete variare le verdure a seconda della stagione e dei vostri gusti. In estate si usano peperoni gialli e rossi e zucchine, per esempio)

1 cucchiaino di zenzero

1 cucchiaino di curcuma

1 cucchiaino di cumino

1 scatola di pelati

100 gr. di ceci lessati

400 gr. di cous cous a  grana media

400 ml. di acqua

burro (io preferisco l’extravergine per “lavorare” il cous cous, ma è questione di gusti)

olio evo

sale e pepe quanto basta

La ricetta

Lavate le verdure e tagliatele in pezzi. Mettete l’olio in una casseruola, aggiungete le verdure, i pelati e le spezie, coprite con l’acqua, salate e pepate e lasciate cuocere una trentina di minuti da quando comincia a bollire.

Aggiungete i ceci e cuocete per altri 10 minuti. Regolate l’acqua di cottura a seconda di come desiderate servire le verdure di accompagnamento. Io preferisco che ci sia più brodo, come di solito si fa in Marocco.

Preparate il cous cous secondo le indicazioni che trovate sulla scatola (personalmente lo tosto un pochino in padella prima di aggiungere acqua salata o brodo vegetale con un pizzico di curcuma).

Una volta pronto, mescolatelo delicatamente per separare i grani, aggiungendo dell’olio evo o del burro fuso.

Potete decidere di servire il cous cous in un vassoio e le verdure in una zuppiera a parte, in modo che ciascuno dei commensali si serva come preferisce (e così fanno i ristoranti magrebini), oppure preparare una cupola con il cous cous al centro di un vassoio e disporre le verdure intorno.

Bon appétit!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *