Piccole bizzarrie parigine

Passeggiando per Parigi, capita di scoprire delle cose curiose, che ci colpiscono per la loro stranezza, oppure perché proprio non dovrebbero stare lì, o perchè sembrano dimenticate da qualcuno passato da quello stesso luogo qualche centinaio di anni prima. E poiché nell’articolo precedente, “Storie di cortigiani e di re senza cavallo”, vi ho parlato di place des Victoires, inauguro da qui questa rubrica, che ogni tanto vi racconterà qualche piccola bizzarria parigina. Portatevi all’angolo tra la rue Étienne Marcel e la nostra piazza. Ci siete? Bene, ora alzate la testa. Che ve ne pare? Bello, eh?

Questo blasone dall’aria importante, datato 1885, e che rappresenta la statua equestre di Luigi XIV, la stessa che troneggia alle nostre spalle, porta la strana dicitura “Marque de fabrique”.

Che c’entra un “marchio di fabbrica”, con questo stemma, che potrebbe far pensare a qualche  famiglia nobile, magari proprietaria del palazzo su cui il blasone è affisso? Ebbene, pare che qui avesse sede un rinomato atelier, dove si creavano scialli, sciarpe ed ogni raffinatezza del genere, che servisse a coprire le spalle delle signore, aggiungendo charme alla loro bellezza. Il marchio scelto dalla sartoria per firmare le proprie creazioni era proprio la statua equestre del re Sole. Oggi non c’é più traccia dell’atelier, ma il suo marchio di fabbrica è rimasto a decorare un angolo di questa piazza, a imperitura memoria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *